Graffito di montemurro

1799, Angela di Picerno

Il Lions Club Potenza Pretoria
ed il “Percorso dei graffiti”

Il Lions Club Potenza Pretoria sta portando avanti un service pluriennale per far conoscere i “graffiti polistrato”. Una forma d’arte particolare rivisitata dal compianto Antonello Leone, che ha fondato la Scuola del Graffito di Montemurro (Pz). Su una base di cemento montata in un telaio metallico, gli artisti collocano 10 stati di malta colorata, e dopo che questa si è asciugata “graffiano” fino a trovare il colore voluto. Le opere hanno dimensioni notevoli (in genere 170×140 cm) e possono essere rimosse e spostate dopo essere state collocate.
Dopo i 4 Graffiti collocati dal club in via Pretoria a Potenza, che ricordano importanti momenti della vita della città e realizzati dall’artista Franco Corbisiero, un altro tassello si aggiunge sul territorio. Il 22 Agosto 2020 nella cittadina di Picerno (Pz), è stata inaugurata una nuova opera, realizzata dagli artisti Anna Faraone, Riccardo Maniscalco, Gabriella Bulfaro, della Scuola del Graffito di Montemurro, e dedicato alle donne del 1799, precisamente ad “Angela di Picerno”, martire per la libertà e simbolo di fierezza e riscatto.
La giornata è stata sottolineata dal gemellaggio fra i comuni di Picerno (Pz) e Montemurro (Pz); a cura del Lions Club Potenza Pretoria è stato per l’occasione stampato un testo ricordo con contributi artistici, istituzionali e notizie storiche.

Il significato del service
Unire ancor di più le comunità fra loro nel segno delle “reti”, utilizzando una forma di arte con radici e di scuola lucana ma ormai conosciuta ed apprezzata nel mondo, per comunicare in modo originale valori, storia arte e cultura della nostra terra.
Far diminuire il numero di persone che “guardano senza vedere” la propria regione e la propria città, stimolandone il senso di appartenenza e la voglia di fare per migliorarla. Far incuriosire soprattutto i giovani su cose che non conoscono o conoscono poco, stimolandone la voglia di scoperta.
Sviluppare i vincoli dell’amicizia per affermare sempre più l’immagine dei “Lions fra la gente e per la gente”, attraverso azioni i cui effetti permangono nel tempo.
Immagine di costruttori consapevoli di futuro perché curano le radici della storia e del sapere.
Perché un popolo senza memoria è un popolo che non ha futuro.

Il Graffito a Picerno